Traguardi Giurisprudenza

  • Approvazione di un nuovo regolamento di laurea

Il nostro progetto di riforma del regolamento di laurea è, in questi due anni di mandato, andato in porto (con qualche modifica da parte del corpo docente): scopo della nostra proposta era rendere più raggiungibile la fascia più alta di voti di laurea che, prima di ciò, era nel nostro dipartimento molto difficile da raggiungere. Il nuovo regolamento di laurea prevede: 

  1. A richiesta dello studente la rimozione dei 6 CFU peggiori e dei 6 CFU migliori dal computo della media ponderata;  
  2. L’attribuzione automatica e non più discrezionale di 0,50 punti per il conseguimento di almeno 5 CFU extracurriculari; 
  3. Attribuzione di 0,25 punti se è stata svolta un’attività di mobilità internazionale (Erasmus), con l’acquisizione di almeno 6CFU; ovvero se è stata svolta tesi di laurea all’estero in lingua italiana, oppure attribuzione di 0,50 punti se è stato svolto un Erasmus con l’acquisizione di almeno 18CFU; ovvero se è stata svolta tesi di laurea all’estero in lingua straniera.

Tutto ciò in aggiunta a quanto già previsto dal precedente regolamento: da 0 a 7 punti per la tesi di ricerca e da 0 a 2 punti per la tesi compilativa, 1 punto per la laurea in corso, 0,1 punti per ogni lode conseguita in esami opzionali e 0,2 punti per lodi conseguite in esami fondamentali.  Purtroppo, è stata posta come condizione di approvazione del nostro progetto una soglia di tre punti “extra” ottenibili rispetto alla tesi.

 

  • Gestione situazione Covid: dalla Sessione di laurea straordinaria a giugno alla registrazione delle lezioni

In questi tempi difficili molte sono state le problematiche delle quali, come rappresentanti, ci siamo dovuti occupare:  

  • Abbiamo ottenuto l’istituzione di una sessione di laurea straordinaria nel giugno 2020 e la proroga dei termini per la consegna delle tesi durante il lockdown 
  • Abbiamo sollecitato il Consiglio di Corso a registrare le lezioni e a permetterne la fruizione da parte degli studenti 
  • Ci siamo attivati, nella sessione in presenza di settembre 2020, a che le sovrapposizioni tra appelli fossero al minimo, per diminuire i fattori di rischio e per permettere agli studenti di organizzarsi al meglio 
  • In questi mesi di pandemia ci siamo impegnati e continuiamo ad impegnarci a tenervi informati ed aggiornati riguardo alle decisioni, i decreti, le risoluzioni dell’amministrazione di ateneo e dei vertici di dipartimento 
  • Abbiamo richiesto l’orale abilitante ai fini del sostenimento dell’esame di avvocatura 2020

A causa della pandemia il concorso di avvocatura previsto per dicembre 2020 è stato rinviato, lasciando molti praticanti a piedi per un altro anno nonostante quasi tutti gli esami delle altre professioni siano stati svolti in forme alternative. Per questa ragione abbiamo presentato una mozione in Consiglio Nazionale degli Studenti Universitari per chiedere il sostenimento della prova in forma di orale abilitante per marzo 2021. 

 

  • Abbiamo esteso la validità del primo modulo di Diritto Commerciale

Il primo modulo di Diritto Commerciale, se sostenuto in sessione estiva, rimaneva originariamente valido per il sostenimento del secondo modulo solo fino alla successiva sessione di settembre. A seguito del nostro intervento, invece, se sostenuto il primo modulo in sessione estiva si può sostenere il secondo fino al successivo 31 gennaio.

 

  • Abbiamo elaborato e presentato un sistema di individuazione degli esami scoglio

Abbiamo presentato in Commissione Paritetica il nostro progetto per l’individuazione di quali siano i cosiddetti “esami scoglio” del nostro dipartimento, ossia gli esami che presentano maggiori criticità in termini di sostenimento e superamento, al fine di porre risoluzione alle principali problematiche. I nostri criteri sono stati ritenuti validi e saranno il punto di partenza per la risoluzione dei suddetti nel prossimo mandato. 

 

  • Grazie al nostro confronto con il Dipartimento è stato istituito il Master A46 per l’accesso all’insegnamento!

Come rappresentanti riteniamo che sia diritto di ogni studente di giurisprudenza poter accedere all’insegnamento del diritto e dell’economia. Purtroppo, il nostro percorso di laurea e il percorso 24 CFU non sono sufficienti per ottenere l’abilitazione. Per questo motivo abbiamo collaborato con il Dipartimento e contribuito alla istituzione del Master A46, tramite il quale ottenere tutti i crediti di ambito giuridico-economico mancanti per accedere all’insegnamento.

 

  • Didattica integrativa e divisione di Diritto Privato 

In questo mandato, abbiamo fortemente proposto e ottenuto il reinserimento della didattica integrativa, strumento molto utile per comprendere gli argomenti più ostici. Riteniamo tuttavia che questo strumento vada ancora di molto potenziato e non sia la soluzione a tutto: da qui la nostra proposta, ancora in discussione, di dividere Diritto Privato in due moduli, così da facilitarne la comprensione e l’apprendimento.

 

  • Gestione delle problematiche quotidiane: sempre dalla stessa parte, quella degli Studenti!

Come rappresentanti ci occupiamo ogni giorno di problemi di decine di studenti che possono riguardare le più disparate tematiche. In particolare, ci siamo spesse volte occupati di:  

    • Risolvere le problematiche riguardanti la compilazione del piano di studi e dei questionari, della loro pubblicazione sul sito, della loro accessibilità 
    • Problemi tecnici riguardanti la sovrapposizione o la disorganizzazione di lezioni ed esami 
    • Aiutare gli studenti con i problemi riguardanti la gestione delle loro carriere, nei passaggi di corso, nel pagamento delle tasse, nella presentazione dell’ISEEU 
    • Vigilare e sollecitare la pubblicazione di date d’esame e dei programmi degli stessi nel syllabus, arrivando a interpellare il Consiglio di Corso sulla questione 
  • Informare e guidare nel merito di attività come il percorso 24 CFU e il Master A46 

 

  • Su nostra proposta da quest’anno anche in consiglio di dipartimento saranno presenti dei rappresentanti!

Abbiamo ottenuto, a livello di ateneo, l’istituzione di una rappresentanza studentesca anche nei Consigli di Dipartimento, così che l’organo non si riduca ad essere la roccaforte della componente docenti: da quest’anno saranno eletti un rappresentante per gli studenti, uno per gli specializzandi e uno per i dottorandi. 

 

  • Nuova mensa in corso Mameli e situazione aula ristoro  

Dopo molti anni di solleciti abbiamo ottenuto, per quest’anno, l’apertura di una mensa universitaria in corso Mameli così da poter usufruire del servizio con più facilità. Oltre a ciò, ci siamo impegnati per l’istituzione di un’aula ristoro con microonde in dipartimento: lo spazio per l’istituzione è già stato individuato e prossimamente inizieranno i lavori! 

  • Istituzione di un giornale di Law Review studentesco 

Ci siamo fatti portavoce di un’iniziativa espressamente richiesta dagli studenti: istituire un giornale che tratti di temi giuridici sul quale siano gli studenti a scrivere, coadiuvati dalle correzioni di alcuni insegnanti di riferimento. L’idea ha riscosso molto successo tra i vertici del nostro dipartimento e, sotto consiglio degli stessi, si sta strutturando in un progetto che verrà presto portato negli organi di competenza.

  • Potenziamento rete Wi-Fi 

Dopo anni di costanti e continui solleciti e incontri abbiamo ottenuto il potenziamento della rete WiFi in dipartimento e in interfacoltà! Adesso è possibile accedere ai servizi telematici in maniera molto più veloce.

  • Iniziative culturali 

Ci siamo sempre impegnati, come lista e nel dipartimento, a portare iniziative culturali di spessore e rilevanti: così abbiamo organizzato a giurisprudenza incontri sull’antimafia, sul referendum costituzionale del 20 settembre, sulla pratica (anticipata e non) e molto altro, e contiamo di continuare a farlo nel prossimo mandato.